Ricerca proteomica – Perché un sonicatore è indispensabile per la preparazione dei campioni

La ricerca proteomica offre una visione approfondita della biologia cellulare e amplia la nostra comprensione dei sistemi biologici consentendo l'analisi completa delle proteine e delle loro funzioni. La preparazione di campioni di alta qualità, che spesso richiede una preparazione complessa e laboriosa, è fondamentale per il successo degli studi proteomici. La sonicazione è uno strumento consolidato e potente per la preparazione dei campioni, che offre numerosi vantaggi rispetto ai metodi tradizionali. Vari modelli di sonicatori, come i sonicatori a sonda, il VialTweeter e il sonicatore a piastra ad alta produttività UIP400MTP, offrono vantaggi unici nell'elaborazione dei campioni proteomici e aprono la strada a risultati di ricerca affidabili e riproducibili.

Perché ho bisogno di un sonicatore per la mia ricerca proteomica?

Sonicatore a sonda per la disintegrazione e la lisi delle cellule, ad esempio allicina e composti contenenti zolfo da aglio e cipolla.Nel campo della ricerca proteomica, la necessità di un sonicatore deriva dall'importanza critica di ottenere campioni di alta qualità per l'analisi. L'uso della sonicazione nella ricerca proteomica è essenziale per ottenere risultati affidabili e riproducibili, garantendo una lisi cellulare efficiente, una migliore estrazione delle proteine, l'omogeneizzazione di campioni complessi, una digestione enzimatica facilitata, la riduzione della contaminazione dei campioni e capacità di elaborazione ad alta produttività.
 
L'importanza della preparazione dei campioni nella proteomica: Il raggiungimento di risultati affidabili e riproducibili negli esperimenti di proteomica dipende da una preparazione meticolosa dei campioni. Dalla lisi cellulare all'estrazione e purificazione delle proteine, ogni fase deve essere eseguita con precisione per ridurre al minimo gli artefatti e garantire l'integrità del campione. Tuttavia, i metodi convenzionali, come la disgregazione meccanica e la lisi chimica, spesso non sono in grado di fornire i risultati desiderati a causa di problemi come l'estrazione incompleta, la degradazione delle proteine e la contaminazione del campione.

Richiesta informazioni





L'UIP400MTP è un sonicatore ad alta produttività per pozzetti multipli come piastre da 96 pozzetti e piastre per microtitolazione. In proteomica, questo sonicatore per piastre facilita la preparazione di un gran numero di campioni.

Sonicatore ad alta produttività UIP400MTP per la preparazione dei campioni in proteomica

 

Questo tutorial spiega qual è il tipo di sonicatore migliore per le attività di preparazione dei campioni, come la lisi, la disgregazione delle cellule, l'isolamento delle proteine, la frammentazione del DNA e dell'RNA nei laboratori, nelle analisi e nella ricerca. Scegliete il tipo di sonicatore ideale per la vostra applicazione, il volume del campione, il numero di campioni e la produttività. Hielscher Ultrasonics ha l'omogeneizzatore a ultrasuoni ideale per voi!

Come trovare il sonicatore perfetto per la disgregazione cellulare e l'estrazione di proteine in ambito scientifico e analitico

Miniatura del video

 

Ultrasuoni: Un cambio di rotta nella preparazione dei campioni proteomici

L'ultrasonicazione, il processo di utilizzo di onde sonore ad alta frequenza per disgregare i campioni biologici, è emersa come una svolta nella preparazione dei campioni proteomici. Sfruttando la potenza dell'energia acustica, i sonicatori facilitano la lisi cellulare, l'estrazione delle proteine e la digestione enzimatica in modo rapido ed efficiente, portando a rese più elevate e a una maggiore purezza del campione.

Operazioni di preparazione del campione facilitate dalla sonicazione

  • Lisi cellulare ed estrazione di proteine: I sonicatori sono ideali per la lisi cellulare e l'estrazione di proteine grazie alla loro versatilità e precisione. Fornendo raffiche controllate di energia ultrasonica, i sonicatori rompono efficacemente le membrane cellulari, rilasciando le proteine intracellulari senza comprometterne l'integrità. Ciò è particolarmente utile negli studi proteomici che richiedono strutture proteiche intatte per l'analisi a valle, come gli studi di interazione proteina-proteina e la proteomica strutturale.
  • Elaborazione dei campioni ad alta produttività: Il sonicatore per piastre UIP400MTP offre un'efficienza senza precedenti nell'elaborazione di campioni proteomici ad alta produttività. Sfruttando l'energia ultrasonica in un formato di piastra a più pozzetti, l'UIP400MTP consente la sonicazione simultanea di più campioni, riducendo drasticamente i tempi di elaborazione e i costi di manodopera. Ciò è particolarmente vantaggioso negli studi proteomici su larga scala che richiedono uno screening rapido delle librerie di campioni o un'elevata produzione di campioni per la scoperta e la convalida di biomarcatori.
  • Aumento della resa dopo la precipitazione di proteine: La precipitazione delle proteine è comunemente utilizzata nel trattamento a valle dei campioni biologici per concentrare le proteine e purificarle da vari contaminanti. È stato dimostrato che la sonicazione è una tecnica efficace di risospensione per aumentare la resa proteica quando le proteine precipitate con acido tricloroacetico (TCA) vengono successivamente sonicate. La sonicazione dei campioni, dopo la precipitazione con TCA seguita da eluizione in tampone campione, aumenta il recupero totale delle proteine e migliora la riproducibilità e i rapporti di corrispondenza.
  • Omogeneizzazione dei campioni e miscelazione dei tamponi: La sonicazione facilita l'omogeneizzazione dei campioni, la solubilizzazione delle cellule e la miscelazione dei tamponi nei flussi di lavoro della proteomica.
VialTweeter al processore a ultrasuoni UP200ST

Sonicatore VialTweeter per la sonicazione simultanea di fino a 10 campioni, ad esempio per disgregare le cellule ed estrarre le proteine

Richiesta informazioni





Il miglior sonicatore per i miei campioni proteomici

Hielscher Ultrasonics offre diversi modelli di sonicatori, il cui design rende possibile la preparazione ideale dei campioni.
Sia che dobbiate sonicare un numero di campioni piccolo o elevato, sia che dobbiate sonicare volumi minimi o grandi. – Hielscher ha il sonicatore più adatto per le vostre applicazioni relative alle proteine.

Fiale e becher – Il Sonicatore a sonda: Il classico sonicatore a sonda è ampiamente utilizzato come omogeneizzatore da laboratorio per un numero ridotto di campioni, quando vengono processati campioni singoli in fiale o becher. Gli omogeneizzatori da laboratorio UP50H o UP100H con micropunta sono i tipici sonicatori a sonda/corno utilizzati per l'ultrasonorizzazione diretta dei campioni.

Piastre da 96 pozzetti/piastre per microtitolazione – Il sonicatore a piastre UIP400MTP: Con l'aumento del numero di campioni e l'uso di pozzetti multipli e micropiastre a 96, 384 o 1536 pozzetti, il sonicatore per piastre ad alta produttività UIP400MTP consente la sonicazione e l'agitazione simultanea di più campioni, garantendo un isolamento delicato ma efficiente delle proteine, nonché una miscelazione accurata e una dispersione uniforme dei reagenti. Ciò è particolarmente vantaggioso negli esperimenti di proteomica che coinvolgono matrici di campioni complesse o preparazioni multiple di campioni, dove l'omogeneità è fondamentale per ottenere risultati accurati e riproducibili.

fino a 10 fiale – Il VialTweeter: Se lavorate con diverse fiale, come le provette Eppendorf, il VialTweeter è lo strumento che fa per voi. Il VialTweeter ha un design unico che consente di sonicare contemporaneamente fino a 10 fiale o provette chiuse. In questo modo si evita completamente la contaminazione incrociata e quella trasmessa dall'aria.

Più fiale o singoli recipienti – Il CupHorn: UP200St_TD-Cuphorn è un potente sonicatore che consente di processare contemporaneamente diverse fiale utilizzando il portafiale o di inserire un singolo recipiente nel bagno d'acqua CupHorn.

Siamo qui per aiutarvi

Il nostro personale tecnico è esperto di ultrasuoni e sa consigliare il sonicatore più adatto a soddisfare le vostre esigenze e a trasformare la vostra ricerca in un successo. Poiché i sonicatori sono diventati strumenti indispensabili nella ricerca proteomica, offrendo un'efficienza, una versatilità e una riproducibilità senza pari nella preparazione dei campioni, Hielscher si assicura che la sonicazione sia più efficace e affidabile, fornendovi il modello di sonicatore perfetto. Dalla lisi cellulare all'estrazione delle proteine e oltre, l'ultrasuoni supera i metodi tradizionali, consentendo ai ricercatori di spingersi oltre i confini della scienza proteomica. Con la continua evoluzione della ricerca proteomica, i sonicatori sono un importante strumento di preparazione dei campioni, che contribuisce a ottenere risultati affidabili e a comprendere il complesso mondo delle proteine e delle loro funzioni.

Perché Hielscher Ultrasonics?

  • alta efficienza
  • rendimento elevato
  • Tecnologia all'avanguardia
  • Risultati riproducibili e ripetibili
  • attendibilità & robustezza
  • controllo di processo regolabile e preciso
  • per becher, fiale, provette, micropiastre
  • per qualsiasi volume di campione
  • software intelligente
  • funzioni intelligenti (ad esempio, programmabili, protocollatura dei dati, controllo remoto)
  • Facile e sicuro da usare
  • Bassa manutenzione
  • CIP (clean-in-place)

Progettazione, produzione e consulenza – Qualità Made in Germany

Gli ultrasuoni Hielscher sono noti per i loro elevati standard di qualità e design. La robustezza e la facilità d'uso consentono un'agevole integrazione dei nostri ultrasuoni negli impianti industriali. Gli ultrasuonatori Hielscher sono in grado di gestire facilmente condizioni difficili e ambienti impegnativi.

Hielscher Ultrasonics è un'azienda certificata ISO e pone particolare enfasi sugli ultrasuonatori ad alte prestazioni, caratterizzati da tecnologia all'avanguardia e facilità d'uso. Naturalmente, gli ultrasuoni Hielscher sono conformi alla normativa CE e soddisfano i requisiti UL, CSA e RoH.

La tabella seguente fornisce un'indicazione della capacità di trattamento approssimativa dei nostri ultrasuonatori da laboratorio, ideali per attività di preparazione dei campioni come la frammentazione di DNA e RNA, la lisi cellulare e l'isolamento di DNA e proteine:

Dispositivo Potenza [W] Tipo Volume [mL]
UIP400MTP 400 per micropiastre 6 – 3456 pozzi
VialTweeter 200 per un massimo di 10 fiale più possibilità di pinza 0.5 – 1.5
UP50H 50 Tipo di sonda 0.01 – 250
UP100H 100 Tipo di sonda 0.01 – 500
UP200Ht 200 Tipo di sonda 0.1 – 1000
UP200St 200 Tipo di sonda 0.1 – 1000
UP400St 400 Tipo di sonda 5.0 – 2000
Cuphorn 200 CupHorn, sonoreactor 10 – 200
GDmini2 200 cella a flusso libero da contaminazioni

Contattaci! / Chiedi a noi!

Richiedi maggiori informazioni

Utilizzate il modulo sottostante per richiedere ulteriori informazioni sui sonicatori per la ricerca proteomica, sui dettagli delle applicazioni e sui prezzi. Saremo lieti di discutere con voi della preparazione dei vostri campioni e di offrirvi un sonicatore che soddisfi le vostre esigenze di ricerca!









Si prega di notare il nostro informativa sulla privacy.


CupHorn a ultrasuoni per la preparazione simultanea di più campioni nelle stesse condizioni per l'isolamento delle proteine e la frammentazione del DNA.

CupHorn ad ultrasuoni per la preparazione simultanea ed estremamente efficace di più campioni nelle stesse condizioni per l'isolamento delle proteine e la frammentazione del DNA.



Schede informative – Modelli di sonicatore Hielscher per la proteomica

  • Scheda tecnica UP100H – 100 watt di potente sonicatore a sonda
  • Scheda tecnica UIP400MTP – Sonicatore ad alta produttività per piastre multipozzetto
  • Scheda informativa VialTweeter – Sonicazione simultanea di fiale chiuse

  • Domande frequenti sulla sonicazione e la proteomica

    La sonicazione può rompere i legami disolfuro?

    La sonicazione ad alta potenza può rompere i legami covalenti durante l'estrazione delle proteine. Tuttavia, quando la sonicazione è condotta a livelli di potenza controllati e corrispondenti ai campioni, l'ultrasonicazione non provoca la rottura dei legami disolfuro. Ecco perché il controllo preciso dei parametri del processo a ultrasuoni, come ampiezza, potenza, tempo e temperatura, è così importante. I sonicatori Hielscher consentono il pieno controllo di questi parametri.

    La sonicazione può rompere i legami peptidici?

    La sonicazione è un metodo efficace per migliorare la solubilizzazione dei peptidi frammentandoli in particelle più piccole. Tuttavia, se dopo la sonicazione la soluzione peptidica presenta gelificazione, torbidità o presenza di flocculi visibili, ciò indica una dissoluzione incompleta, con il peptide semplicemente sospeso nella matrice della soluzione.
    In questi casi, è necessario utilizzare un solvente più potente per ottenere una dissoluzione completa. Se la dissoluzione dovesse persistere, si potrebbe liofilizzare e rimuovere la soluzione tampone volatile. Successivamente, questo campione essiccato permette di esplorare solventi alternativi per promuovere la solubilità del peptide, consentendo così di identificare un sistema di solventi ottimale.

    Letteratura / Referenze


    Ultrasuoni ad alte prestazioni! La gamma di prodotti Hielscher copre l'intero spettro dagli ultrasuoni da laboratorio compatti alle unità da banco fino ai sistemi a ultrasuoni industriali completi.

    Hielscher Ultrasonics produce omogeneizzatori a ultrasuoni ad alte prestazioni da laboratorio a dimensione industriale.


    Saremo lieti di discutere il vostro processo.

    Mettiamoci in contatto.