Tecnologia ad ultrasuoni Hielscher

Fresatura ad ultrasuoni di Nano-Polveri termoelettriche

  • La ricerca ha dimostrato che la fresatura ad ultrasuoni può essere utilizzata con successo per la fabbricazione di nanoparticelle termoelettriche e ha il potenziale per manipolare le superfici delle particelle.
  • Particelle macinate ad ultrasuoni (ad es. Bi2Te3-) hanno mostrato una significativa riduzione delle dimensioni e fabbricato nano-particelle con meno di 10 µm.
  • Inoltre, la sonicazione produce cambiamenti significativi della morfologia superficiale delle particelle e consente di funzionalizzare la superficie delle micro e nano-particelle.

 

Nanoparticelle termoelettriche

I materiali termoelettrici convertono l'energia termica in energia elettrica grazie all'effetto Seebeck e Peltier. In questo modo è possibile trasformare efficacemente l'energia termica difficilmente utilizzabile o quasi perduta in applicazioni produttive. Poiché i materiali termoelettrici possono essere inclusi in nuove applicazioni come le batterie biotermiche, il raffreddamento termoelettrico a stato solido, i dispositivi optoelettronici, lo spazio e la generazione di energia per autoveicoli, la ricerca e l'industria è alla ricerca di tecniche facili e rapide per produrre nanoparticelle termoelettriche ecologiche, economiche e stabili alle alte temperature. Fresatura ad ultrasuoni così come la sintesi dal basso verso l'alto (Sono-cristallizzazione) sono a percorsi promettenti per la rapida produzione di massa di nanomateriali termoelettrici.

Apparecchiature di fresatura ad ultrasuoni

Per la riduzione della dimensione delle particelle di tellururo di bismuto (Bi2Te3), siliciuro di magnesio (Mg2Si) e polvere di silicio (Si), il sistema ad ultrasuoni ad alta intensità UIP1000hdT (1kW, 20kHz) è stato usato in un setup a bicchiere aperto. Per tutte le prove l'ampiezza è stata impostata su 140µm. Il contenitore del campione viene raffreddato in un bagno d'acqua, la temperatura è controllata da una termocoppia. A causa della sonicazione in un recipiente aperto, il raffreddamento è stato utilizzato per impedire l'evaporazione delle soluzioni di macinazione (ad es. etanolo, butanolo o acqua).

La fresatura ad ultrasuoni viene utilizzata con successo per ridurre i materiali termoelettrici a nanoparticelle.

a) Schema della configurazione sperimentale. b) sorgente di fresatura ad ultrasuoni: Marquez-Garcia et al. 2015.

UIP2000hdT - un ultrasuoni ad alte prestazioni da 2000W per la fresatura industriale di nano particelle.

UIP2000hdT con reattore a cella a flusso pressurizzabile

Richiesta informazioni





Fresatura ad ultrasuoni per soli 4 ore di Bi2Te3-lega già resa in una notevole quantità di nanoparticelle con dimensioni comprese tra 150 e 400 nm. Oltre alla riduzione delle dimensioni della gamma nano, la sonicazione ha portato anche ad un cambiamento della morfologia superficiale. Le immagini SEM nella figura sotto b, c e d mostrano che gli spigoli vivi delle particelle prima della fresatura ad ultrasuoni sono diventati lisci e rotondi dopo la fresatura ad ultrasuoni.

Fresatura ad ultrasuoni di nanoparticelle di lega a base di Bi2Te3.

Distribuzione granulometrica e immagini SEM della lega a base di Bi2Te3 prima e dopo la fresatura ad ultrasuoni. a – Distribuzione granulometrica; b – Immagine al SEM prima della fresatura ad ultrasuoni; c – Immagine al SEM dopo la fresatura ad ultrasuoni per 4 ore; d – Immagine al SEM dopo la fresatura ad ultrasuoni per 8 ore.
fonte: Marquez-Garcia et al. 2015.

Per determinare se la riduzione delle dimensioni delle particelle e la modifica della superficie sono ottenute unicamente mediante fresatura ad ultrasuoni, esperimenti simili sono stati condotti utilizzando un mulino a sfere ad alta energia. I risultati sono mostrati in Fig. 3. È evidente che le particelle di 200-800 nm sono state prodotte dalla fresatura a sfere per 48 ore (12 volte di più della fresatura ad ultrasuoni). SEM mostra che gli spigoli vivi della Bi2Te3-le particelle di lega rimangono sostanzialmente invariate dopo la macinazione. Questi risultati indicano che i bordi lisci sono caratteristiche uniche della fresatura ad ultrasuoni. Anche il risparmio di tempo con la fresatura ad ultrasuoni (4 ore contro 48 ore di fresatura a sfere) è notevole.

Fresatura ad ultrasuoni di Mg2Si.

Distribuzione granulometrica e immagini SEM di Mg2Si prima e dopo la fresatura ad ultrasuoni. (a) distribuzione granulometrica; (b) immagine al SEM prima della fresatura ad ultrasuoni; (c) immagine al SEM dopo la fresatura ad ultrasuoni in 50% PVP-50% EtOH per 2 ore.
fonte: Marquez-Garcia et al. 2015.

Marquez-Garcia et al. (2015) concludono che la fresatura ad ultrasuoni può degradare la Bi2Te3 e Mg2Si in polvere in particelle più piccole, le cui dimensioni variano da 40 a 400 nm, suggerendo una tecnica potenziale per la produzione industriale di nanoparticelle. Rispetto alla fresatura a sfere ad alta energia, la fresatura ad ultrasuoni ha due caratteristiche uniche:

  1. 1. la comparsa di un divario granulometrico che separa le particelle originali da quelle prodotte dalla fresatura ad ultrasuoni; e
  2. 2. cambiamenti sostanziali nella morfologia superficiale sono evidenti dopo la fresatura ad ultrasuoni, indicando la possibilità di manipolare le superfici delle particelle.

Conclusione

La fresatura ad ultrasuoni di particelle più dure richiede una sonicazione sotto pressione per generare un'intensa cavitazione. La sonicazione sotto alta pressione (la cosiddetta manosonicazione) aumenta drasticamente le forze di taglio e lo stress alle particelle.
Una configurazione continua di sonicazione in linea consente un carico di particelle più elevato (fanghi pastosi), che migliora i risultati di fresatura in quanto la fresatura ad ultrasuoni si basa sulla collisione tra le particelle.
La sonicazione in una configurazione a ricircolo discreto permette di garantire un trattamento omogeneo di tutte le particelle e quindi una distribuzione granulometrica molto stretta.

Un grande vantaggio della fresatura ad ultrasuoni è che la tecnologia può essere facilmente scalabile per la produzione di grandi quantità disponibili in commercio, mentre la potente fresatura industriale ad ultrasuoni può gestire quantità fino a 10m.3/h.

Vantaggi della fresatura ad ultrasuoni

  • Rapido, risparmio di tempo
  • Risparmio energetico
  • risultati riproducibili
  • Nessun supporto di fresatura (senza perle o perle)
  • Basso costo di investimento

Ultrasuoni ad alte prestazioni

La fresatura ad ultrasuoni richiede apparecchiature ad ultrasuoni ad alta potenza. Per generare intense forze di taglio cavitazionale, sono cruciali le ampiezze e la pressione elevate. Ultrasuoni Hielscher’ i processori ad ultrasuoni industriali possono fornire ampiezze molto elevate. Ampiezze fino a 200µm possono essere facilmente gestite ininterrottamente in funzionamento 24/7. Per ampiezze ancora maggiori, sono disponibili sonotrodi ad ultrasuoni personalizzati. In combinazione con i reattori a flusso pressurizzabile di Hielscher, si crea una cavitazione molto intensa che consente di superare i legami intermolecolari e di ottenere effetti di fresatura efficienti.
La robustezza delle apparecchiature ad ultrasuoni Hielscher consente un funzionamento 24/7 in ambienti gravosi e impegnativi. Il controllo digitale e remoto e la registrazione automatica dei dati su una scheda SD integrata garantiscono un'elaborazione precisa, una qualità riproducibile e consentono la standardizzazione dei processi.

Vantaggi degli ultrasuoni ad alte prestazioni di Hielscher

  • ampiezze molto elevate
  • alte pressioni
  • processo continuo in linea
  • attrezzatura robusta
  • scale-up lineare
  • sicuro e facile da usare
  • Facile da pulire

Contattaci! / Chiedi a noi!

Richiedi maggiori informazioni

Si prega di utilizzare il modulo sottostante, se si desidera richiedere ulteriori informazioni sull'omogeneizzazione ad ultrasuoni. Saremo lieti di offrirvi un sistema ad ultrasuoni che soddisfi le vostre esigenze.









Si prega di notare il nostro informativa sulla privacy.


Hielscher Ultrasonics produce ultrasuoni ad alte prestazioni per applicazioni geochimiche.

Processori ad ultrasuoni ad alta potenza da laboratorio a scala pilota e industriale.

Letteratura/riferimenti

  • Marquez-Garcia L., Li W., Bomphrey J.J., Jarvis D.J., Min G. (2015): Preparazione di nanoparticelle di materiali termoelettrici mediante fresatura ad ultrasuoni. Giornale dei materiali elettronici 2015.


Particolarità / Cose da sapere

Effetto termoelettrico

I materiali termoelettrici sono caratterizzati dal mostrare l'effetto termoelettrico in una forma forte o conveniente, utilizzabile. L'effetto termoelettrico si riferisce a fenomeni in cui una differenza di temperatura crea un potenziale elettrico o un potenziale elettrico crea una differenza di temperatura. Questi fenomeni sono noti come effetto Seebeck, che descrive la conversione della temperatura in corrente, l'effetto Peltier, che descrive la conversione della corrente in temperatura, e l'effetto Thomson, che descrive il conduttore riscaldamento/raffreddamento. Tutti i materiali hanno un effetto termoelettrico non nullo, ma nella maggior parte dei materiali è troppo piccolo per essere utile. Tuttavia, materiali a basso costo che mostrano un effetto termoelettrico sufficientemente forte, nonché altre proprietà necessarie per renderli applicabili, possono essere utilizzati in applicazioni quali la produzione di energia elettrica e la refrigerazione. Attualmente, il tellururo di bismuto (Bi2Te3) è ampiamente usato per il suo effetto termoelettrico